È come un salto nel vuot​o…

Hai presente quella sensazione in cui ti manca l’aria? Dopo aver corso uno scatto per esempio o dopo uno spavento. O quando sei in ansia. Sono in ansia da settimane, così in ansia che se volete posso andare in ansia anche per voi.

Sono giorni importanti per me, si tratta di scegliere cosa fare dopo. E io ho voglia di una sfida, una sfida lontana, di andare fuori dall’Italia che percepisco come la mia zona di comfort. Ho voglia di mettermi in gioco, di conoscere gente nuova, di vivere in un posto nuovo…

Da quando sono tornata a Trento, non mi sono più sentita così a casa. Forse perché ora la percepisco come una città provvisoria, o forse perché ho cambiato casa, ho cambiato coinquiline e persino palestra. Il fatto è che non mi sento a casa da nessuna parte al momento. Rimpiango la mia Lisbona, rimpiango anche la casa dell’anno scorso (il che è tutto un dire), ma soprattutto rimpiango la tranquillità che avevo l’anno scorso, quando masters, magistrali e tutto il resto erano ad anni luce.

Sì, perché la verità è che tutti hanno un opinione diversa su cosa sia utile o meno fare, allora ti ritrovi in macchina con tuo padre che ti dice io conosco X, ti faccio parlare con lui che magari ti dà un consiglio e X risponde dicendoti è una strada che non consiglierei a nessuno. Allora parli con Y che ti risponde che dovresti prendere la strada A. Ma il giorno dopo parli con Z che ti dice che la strada A è quella tradizionale, ma hai le competenze per prendere la strada B che è più avventurosa. E nel frattempo, tu ne parli solo a pochi di quali siano effettivamente le opzioni, perché temi di non essere presa a nessuna di queste e sai che ci sono acceptance rates abbastanza basse e che potresti facilmente venire rifiutata.

E… ed è come un salto nel vuoto, e ti manca l’aria e ti prende l’ansia e tu non sai bene cosa fare, dove sbattere la testa.  BUT io sono ambiziosa, nel bene e nel male (soprattutto nel male). Mio padre spiega il mio modo di essere con una metafora molto funzionale: è come se arrivassi in stazione e volessi correre a prendere il treno che sta per partire, pur sapendo di avere pochissimo tempo per raggiungerlo. E se riesci a raggiungerlo, allora pensi che avresti potuto prendere quello prima e fai di tutto per raggiungere quest’ultimo.

Insomma, io punto al mio massimo, poi dove si arriva lo deciderà la vita.

Have A Safe Journey!
Camilla

IMG_4633

Advertisements

2 Comments Add yours

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.