Il #Nutrition Challenge 2018

Vi ho parlato della fitness challenge, vi ho parlato della eco-friendly challenge, ora vi parlo della nutrition challenge.

*Premetto questo* io non ho le competenze per dire che ciò che abbia in mente sia giusto o sbagliato, che un determinato stile di vita faccia bene per tutti o per nessuno, né pretendo di dare consigli specializzati in materia. Scrivo questo post più a livello di promemoria personale, basandomi sulle cose che funzionano per me e su quello che fa star bene me.

  1. Eat at home

Troppo spesso mi “nascondo” dietro alla scusa del non avere tempo e finisco per ordinare un food delivery, che per quanto sano possa essere, non è mai come quando cuciniamo noi a casa. Il fatto è che voglio stare più attenta, alla qualità del cibo che consumo, al tipo di cibo che consumo e ai condimenti usati.

  1. Una ricetta nuova a settimana

Premesso quanto premesso sopra, senza un po’ di differenziazione, si diventa subito stanchi del solito cibo. Non mi aspetto di diventare brava in cucina, lungi dallo sperarci, ma vorrei iniziare a cimentarmi di più nelle ricette, mettendo una ricetta nuova a settimana sul blog, in modo da essere obbligata a sperimentarla nei sette giorni precedenti. Il che, manco a dirlo, porterebbe un po’ di novità nella mia cucina.

  1. Le basi sempre pronte

Per basi, mia nonna intenderebbe pastafrolla, crema pasticciera, pomodoro, ragù, pesto e via dicendo. Io intendo hummus, chia jam, lenticchie, quinoa e tutti quegli alimenti che sono comodi quando devi assemblare un piatto dell’ultimo minuto, o torni a casa e se fosse per te ti mangeresti anche il tavolo

  1. Un ricettario

Voglio creare un mio ricettario. Non pubblico, non interessante, innovativo, ma avere un elenco di quelle che sono le mie ricette preferite e averlo sempre disponibile per quando ho voglia di cucinare.

  1. Meal-Prep

L’ho detto e lo ripeto, il meal prep è fondamentale quando si ha poco tempo. Dopo aver tentato diverse strategie ho capito di non appartenere alla categoria “integralista” che prepara i pranzi di tutta settimana e li congela già assemblati. Io sono più per l’idea di tenere sempre pronte le basi dei piatti e assemblare le ultime cose seduta stante, che dà sempre un sapore migliore.

  1. 90/10

Ultimo ma non meno importante: la regola 90/10. Con le feste è facile finire off track, ma credo che un’alimentazione sana debba essere sempre il punto di partenza. Con questo, anziché usare la solita regola 80/20, io sono propensa a una più radicale 90/10, con un solo pasto libero a settimana e più attenzione negli altri.

Ho scelto di non entrare nello specifico perché potrei involontariamente condizionare altre persone… Penso che l’alimentazione sia qualcosa di molto soggettivo e diversificato a seconda dello stile di vita di ciascuno. Questo è giusto uno spunto per chi come me vuole raggiungere nuovi obiettivi e un promemoria per me della promessa che mi sono fatta quest’anno.

Have A Safe Journey!
Camilla

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s