Mind Matters

Though my ass disagree (this is a long story which involves a downhill run and a lot of bike), I found out the challenge is more mental than physical. Yes, this is the hard part: you can train your body as much as you want, but how can you train your mind?

They say you can run, but you can’t hide. So happens with your mind. Your legs can run, but your mind is the boss. I would lie if I said everything has been great as well as easy until now: preparing a marathon is not easy, it is great though. Yes, there is a very very hard part, but there is more: there is SATISFACTION.

My body is working perfectly, but I do not know how hard I can push it, as my mind isn’t working properly. So I took a difficult but right decision: I won’t compete this Sunday at the Wings For Life World Run in Verona. I signed up for a too fast pace and I know I would push myself too hard in order to respect it, even if I am not in the physical and mental state of doing this. I do not regret this decision, this race could have been a beautiful way to meet new runners, but this is not my dream: NYC is my dream and it will always be my priority. You have to think far if your goal is big.

I talked with dad and with Jessica, but at the end the decision was mine. I only wanted to wish the best race ever to all who decided to take part in it: you guys are doing magic, you are all champions.

P.S. #HaveASafeJourney is turning international… exciting news ahead, so stay tuned!

Sebbene il mio sedere non sia d’accordo (questa è una lunga storia che comprende una corsa in discesa e un paio d’ore di bici), ho scoperto che la sfida vera non è fisica, bensì  psicologica. Sì, questa è la parte dura: puoi allenare il tuo corpo quanto vuoi, ma come alleni la tua mente?

Puoi correre, ma non puoi scappare. Le tue gambe possono correre, ma è la mente a comandarle. Mentirei se dicessi che tutto è stato fantastico e facile finora: preparare una maratona non è facile, sebbene sia fantastico. Sì, è molto, molto dura, ma c’è di più: c’è SODDISFAZIONE.

Il mio corpo sta lavorando nel modo giusto, ma non so quanto posso spingerlo, poiché è la mia testa a non lavorare bene. Così ho preso una difficile ma giusta decisione: non gareggerò domenica alla Wings For Life World Run a Verona. Mi ero iscritta per un passo troppo veloce e so che mi spingerei al limite per rispettarlo, sebbene non sia nella forma fisica e mentale per riuscirci. Non rimpiango questa decisone, questa gara sarebbe potuta essere un bellissimo modo per conoscere  nuovi corridori, ma non è il mio sogno: NYC è il mio sogno e sarà sempre la mia priorità. Devi pensare lontano, se il tuo obiettivo è grande.

Ho parlato sia con papà che con Jessica di questa cosa, ma alla fine la decisione è stata mia. Volevo solo augurare una gara fantastica a tutti coloro che hanno deciso di prendervi parte: ragazzi voi spaccate, siete tutti dei campioni.

P.S. #HaveASafeJourney sta per diventare internazionale… grandi cose stanno per arrivare, state pronti!

Mind Matters

Have A Safe Journey! ♥

Love,
Camilla

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s