#ThankYouPaula

This is the name given to the movement launched by Nike to celebrate Paula Radcliffe’s last marathon, which took place last Sunday in London.

Questo è il nome del movimento lanciato dalla Nike per celebrare l’ultima maratona Paula Radcliffe, corsasi domenica scorsa a Londra.

Her Carreer

When Paula Radcliffe firstly started running, she probably didn’t imagine how fast she could eventually have gone. In fact, she is women’s world record holder in the marathon with her time of 2 hours 15 minutes and 25 seconds.

Though she didn’t start as a marathoner, in 2002 she made the move up to the marathon, a decision that immediately paid off with victory at her debut in that year’s London Marathon on 14 April 2002, ran in 2:18:55, the second quickest in women’s marathon history behind the world record of 2:18:47 set by Catherine Ndereba.  However, later that year, Radcliffe finally managed to set a world record time of 2:17:18 in the Chicago Marathon on 13 October 2002.

A few months later, during the 2003 London Marathon in April, she set a even lower time (2:15:25), which is the current unbeaten women’s world record.

La sua carriera

Quando Paula ha iniziato a correre, probabilmente non immaginava quanto veloce sarebbe potuta andare. Infatti è la primatista mondiale di maratona, con un eccezionale tempo di 2 ore 15 minuti e 25 secondi.

Sebbene non abbia iniziato come maratoneta, nel 2002 ha fatto la scelta di sposarsi su questa distanza, decisione che la ripagherà immediatamente con la vittoria alla sua maratona di debutto (Londra, 14 aprile 2002), corsa in 2 ore 18 minuti e 47 secondi, tempo secondo solo al record mondiale della keniota Catherin Ndereba. Quell’anno però, Paula riuscì a stabilire un nuovo record del mondo alla maratona di Chicago del 13 ottobre, con il tempo di 2 ore 17 minuti e 18 secondi.

Pochi mesi dopo, durante la maratona di Londra del 2003 ha stabilito un record ancor più basso (2:15:25) che è l’imbattuto record mondiale.

Last Sunday

Last Sunday, she finished the Virgin Money London Marathon 2015 with a great time of 2:36:22, 169th place. Though Paula didn’t set a new world record, the race was an extraordinary event. In fact, at the age of 41 this amazing athlete ran what is supposed to be her last competitive race.

For this reason, Nike launched a campaign with the goal to celebrate this incredible woman: “For getting us started, for never letting us quit… #ThankYouPaula”.

Domenica scorsa

Domenica scorsa ha chiuso la maratona di Londra con un buon tempo di 2:36:22, posizionandosi 169esima. Sebbene non abbia stabilito un nuovo record mondiale, la gara è stata un evento straordinario. Infatti, all’alba dei suoi 41 anni, questa spettacolare atleta ha corso quella che è da considerarsi la sua ultima gara competitiva.

Per questo motivo, Nike ha lanciato una campagna con l’obiettivo di celebrare questa incredibile donna: “Per averci fatto iniziare, per non averci mai fatto mollare… Grazie Paula”

_82578460_paula_radcliffe5471237890

Role Model

When an 11 years old me went to NYC to cheer on her dad running the marathon, Paula was racing. I remember seeing her in the front line, with strength and determination to win. I asked my mum who was that woman, but she didn’t have an answer either. However, a few hours later I managed to find out her name and from that moment on she has been my absolute idol.

Her book was the first book about running I had ever bought.

My first pair of running shoes were a pair Nike Zoom, just like hers.

Her inspiration was constant during this year and it seems unbelievable she won’t take part in this year’s NYC Marathon. Yesterday running saw in action for the last time its greatest protagonist, who showed the world it is possible to have a career and a family as well as you can win without drugs.

Il Mio Modello

Quando a 11 anni sono andata a NYC per sostenere papà, che corse la sua prima maratona, Paula stava gareggiando. Mi ricordo di averla vista in testa, con la forza e la determinazione di vincere. Chiesi a mia mamma chi fosse quella donna, ma nemmeno lei aveva una risposta. Fortunatamente un paio di ore dopo sono riuscita a scoprire chi fosse e da quel momento è diventata il mio idolo.

Il primo libro di corsa che abbia mai comprato era il suo.

Il mio primo paio di scarpe da corsa erano un paio di Nike Zoom, esattamente come le sue.

La sua ispirazione è stata costante durante questi anni e sembra incredibile che non prenderà parte alla maratona di NYC quest’anno. Ieri la corsa ha visto per l’ultima volta in azione una dei suoi più grandi protagonisti, che ha dimostrato al mondo che è possibile avere una carriera e una famiglia e soprattutto che ha si può vincere senza doping.

Paula_Radciffe_NYC_Marathon_2008_croppedPaula Radcliffe of England holds the Union Jack after winning the Women's division of the 2008 New York City Marathon in New York

Dear Paula,

I wish you all the best on your future career. Hope to hear from you again soon.
NYC Marathon won’t be the same without you.

Have A Safe Journey! ♥

Love,
Camilla

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s